fbpx
L'ALTRA FOTOGRAFIA

con Raoul Iacometti

Smartphone: immagini da un universo parallelo.

Lo smartphone come strumento creativo per esprimere al massimo la nostra creatività con un maestro assoluto nel genere!

Il workshop si sviluppa in due giornate consecutive
Il sabato tutto il giorno e la domenica mattina

La modella del workshop sarà Sabrina Barca

Costo: € 196,72 IVA esclusa

Prossima sessione:  9/10 giugno 2018

Qui a lato alcune immagini di esempio di Raoul Iacometti. © Raoul Iacometti

Raoul Iacometti dimostrerà come sarà possibile utilizzare uno smartphone come strumento creativo per ottenere dei progetti fotografici

Descrizione e struttura workshop

Lo smartphone come strumento creativo
OBIETTIVI PRINCIPALI
Un workshop che rivoluzionerà le tue fotografie

Scattare, editare e pubblicare! ormai un abitudine di ognuno di noi quando utilizziamo uno smartphone!
Ma siamo sicuri di conoscere davvero tutti i trucchi per poterlo fare utilizzandolo e sfruttandolo al meglio? Se lo volessimo utilizzare come mezzo espressivo per i nostri lavori fotografici come dovremmo comportarci? quali sono gli strumenti e le app che ci possono aiutare? L’intento del workshop non sarà solo finalizzato allo strumento, ma cercherà di aiutare a far emergere la creatività in ognuno dei partecipanti!
Anche uno strumento come questo, apparentemente semplice, è importante conoscerlo a fondo per poterci esprimere al meglio!

Ecco cosa dice Raoul Iacometti a riguardo:

Esistono modi e metodi diversi per approcciare alla fotografia.
Io arrivo da quello più classico, pellicola e camera manuale, quella di papà.
Mi sarei potuto fermare qui, disprezzando e guardando con occhio cinico il digitale, ma sono sempre stato un pessimo alunno perché ho sempre amato vivere il mondo in maniera differente, non necessariamente andando controcorrente, ma solo da angolazioni diverse, punti di vista personali, senza cadere nelle trappole del preconfezionato.
Alimento sempre la mia curiosità.
Nel frattempo l’uomo, direi alcuni uomini dotati di intuito ed ingegno, hanno portato nuove forme di approccio alla fotografia (e a molto altro…) ed in un purtroppo consolidato amore/odio arriva il digitale. Ciò non significa che si debba per forza abbandonare l’approccio classico, ma ci si può evolvere in questo mondo evoluto (in alcuni casi apparentemente evoluto, ma sono altri discorsi, forse più complessi…). Le nuove generazioni vivono di social e foto postate in tempo reale. Tutto ciò è così veloce, non si ha più il tempo (o la voglia?) per pensare dicono i pessimisti, si scatta e si pubblica istantaneamente, regola base per una fotografia brutta, sfasciata e senza possibilità di ritorno alla qualità… siamo certi di questo?

Vivo di fotografia, da anni ormai, giuro che utilizzo ancora la mia Leica a pellicola, ma per lavoro soprattutto reflex digitali.
Dall’ormai lontano 2008 utilizzo anche lo smartphone, modelli iPhone con App dedicate e tutto questo malessere nei suoi confronti non mi ha mai creato problemi perché credo, anzi ne sono profondamente convinto, che alla base di una buona immagine ci siamo sempre noi, esseri umani, originali unici e – se ci impegniamo a non essere apatici e sempre troppo ostici verso il nuovo – anche maledettamente creativi… nessuno smartphone da solo compone un’inquadratura, anche con la griglia dei terzi impressa… nessuno smartphone, anche il più evoluto, non riuscirà mai a sostituire il nostro cuore e la nostra anima… il cervello dovrebbe servire per raggiungere la consapevolezza che l’altra fotografia, quella buona, siamo noi.

Raoul Iacometti

PROGRAMMA IN DETTAGLIO
Lo smartphone come esperienza artistica!

Questo il programma di massima, poi possono capitare variazioni in corso d’opera:

Sabato
ore 9, ritrovo in sede con un’oretta circa di spiegazioni ed introduzione su come sarà impostata la giornata, presentazione della o delle modelle che staranno con noi tutta la giornata e qualche nota burocratica/legale per le riprese pubbliche.
ore 10, uscita, il docente organizzerà due gruppi, chi andrà a fare street, paesaggio urbano e/o ritratti e istantanee di strada e chi invece inizierà con la modella la parte ritratto ambientato in esterni. Poi si invertiranno i ruoli in modo tale che tutti possano fare ritratti alle modelle.
ore 13, pranzo insieme e magari  si parlerà del workshop (un’ora di pausa, non di più)
ore 14/14:30, riprese in studio: luce naturale e luce artificiale (continua), e qui coinvolgeremo tutti i partecipanti a posare a turno con o senza modella/e.
ore 17, si potrà decidere se fare un’ultima incursione in esterni, con la luce pre serale.
ore 18, chiusura lavori e indicazioni su come e cosa presentare il giorno successivo per l’editing.

Domenica
ore 9, inizio editing dei lavori realizzati il giorno precedente
ore 12:30/13 chiusura!

Note a margine:
– il WS è dedicato alla fotografia con lo smartphone, quindi non è vietato portare altra attrezzatura come reflex, polaroid, ecc, ma è sottinteso che rimarranno negli zaini e si potranno utilizzare solo quando il docente lo permetterà. Si valuteranno tempistiche e situazioni, comunque resta inteso e confermato che il WS è dedicato alla fotografia con lo smartphone e se nel caso si effettueranno fotografie con altro mezzo non rientreranno nell’editing finale.

– è permesso qualsiasi tipo di accessorio dedicato dello smartphone (cavalletto, lenti addizionali, ecc), quindi nessuna restrizione in questo caso, calcolando però il fine del loro utilizzo.

– la/le modella/e ci seguiranno anche nei percorsi cittadini, così avremo la possibilità di interfacciare street con ritratto (oltre ai temi di paesaggio urbano o naturale secondo le location).

– è preferibile portare un proprio computer portatile per accelerare i tempi di scarico delle immagini, che verranno salvate poi su chiavetta e visionate da un unico computer mezzo proiezione.

– ricordatevi di caricare al massimo le batterie. Scattare fotografie con lo smartphone significa, talvolta, rimanere “a piedi” di batteria proprio sul più bello! Ricordatevi di portare il cavetto per caricare, quello per scaricare le immagini (se fosse diverso) e, per chi ne è in possesso, anche batterie ausiliarie esterne (di quelle collegabili con USB).

– tutte le immagini prodotte saranno di proprietà del fotografo, ma tali immagini (quelle nelle quali compaiono ballerina e modella) non potranno in alcun modo essere utilizzate per scopi commerciali dalle parti, tantomeno da terzi, né portare al loro interno loghi e/o stringhe di testo relative ad aziende, società e/o altro che riconduca all’utilizzo commerciale delle stesse.
Quanto sopra è specificato comunque nella liberatoria che dovrà essere compilata dalle parti per l’utilizzo delle immagini.

Qui sotto una fotografia della modella che seguirà il workshop, Sabrina Barca

Scheda tecnica workshop

SULLA FOTOGRAFIA CREATIVA

Programmato per: il 9/10 giugno 2018

Orario:
primo giorno dalle 9.00 alle 18.00 ca.
secondo giorno dalle 9.00 alle 12.30/13.00 ca.

Max. partecipanti: 12

Disponibilità posti: contattare segreteria

Requisiti:
– uno smartphone recente.
– un portatile

Titolo riconosciuto:
Certificato di frequenza

Sede: c/o via Carlo Farini, 60 a Milano

Costo totale del corso: € 196,72 IVA esclusa

Iscrizione:
Per iscriversi a questo workshop è necessario confermarlo con un acconto di 100 euro, il saldo deve essere versato tassativamente entro il primo giorno di workshop.

Per ulteriori informazioni scrivere a:
info@bottegaimmagine.it

Il docente: Raoul Iacometti

Raoul Iacometti

R. I. svolge l’attività di fotografo free-lance alternando la ricerca personale al lavoro commerciale nei più diversi settori: reportage di documento e socio-umanitario, fotografia industriale, di eventi e di ritratto. Ha ricevuto molti riconoscimenti nei più importanti contest nazionali ed internazionali.

È autore del progetto “Green Attitude” (www.green-attitude.it, FB: Green Attitude) dal 2012 è ancora work in progress.

È ideatore/autore di “Fotografie e altre storie…” e “Blue Alchemy” format teatrali che fondono tramite la fotografia arti come la scrittura, la musica e la danza, in collaborazione con Carlo Negri, scrittore e autore di testi televisivi e teatrali (tra gli altri Zelig e gli spettacoli di Giuseppe Giacobazzi) e Martino Vercesi, chitarrista jazz/blues e compositore.

Fra i suoi lavori più significativi sono anche da ricordare “Botteghe: filiera agroalimentare dal produttore al consumatore” (2008), “Obiettivo Lampedusa”, un reportage inserito nell’omonima pubblicazione.

Tiene corsi base e avanzati di fotografia e workshop fotografici in tutto il territorio su diverse tematiche. Molteplici sono le collaborazioni con Aziende, Associazioni, Comuni, Istituti Scolastici e Università. Sue fotografie fanno parte di importanti collezioni private.

Nel maggio 2015 riceve l’onorificenza di “Autore dell’Anno 2015” dalla Federazione Italiana delle Associazioni Fotografiche.

Sito web: www.raouliacometti.itwww.green-attitude.it Facebook: Raoul Iacometti – Green Attitude